Rimpiango i genitori di una volta,

Rimpiango i genitori di una volta,
Rimpiango i genitori di una volta,

Rimpiango i genitori di una volta,

quelli che un “sì” era un “sì” e un “no” era un “no”, quelli che ti insegnavano che non si può avere tutto e si può stare bene lo stesso.

Quelli che ti spiegavano che un signore si vede dal comportamento e non da ciò che possiede.

Quelli che non davano ai figli ciò che volevano, ma solo ciò di cui avevano bisogno o ciò che sapevano meritarsi.

Quelli che non li viziavano, ma li preparavano alla vita.
Allora, da figlio, la chiamavo severità.

Oggi so che era Educazione.

ANTONIO CURNETTA

Precedente 10 trucchi per svegliarsi bene la mattina. Successivo Perché tuo padre è...